La Kazzen di Pantelleria a Vinitaly con l’Accademia delle 5T

Home » Noi e gli amici » La Kazzen di Pantelleria a Vinitaly con l’Accademia delle 5T

di Vincenzo Alessandro

Fra i numerosi partecipanti ai seminari che l’Accademia delle 5T condurrà nel Sol&Agrifood di Vinitaly 2018 (15/18 aprile), nell’area espositivo-formativa “Biodiversità e Tipicità”, ci sarà anche l’azienda pantesca Kazzen.

Mossi da un profondo amore per la propria terra, l’isola di Pantelleria, i fratelli D’Ancona, Fabrizio, Massimo e Alessandro, decidono, nel 2004, di costruire su un vecchio terreno di proprietà un laboratorio per la lavorazione del Cappero di Pantelleria. Un’idea azzardata, ricordano i fratelli, sia per la condizione economica in cui si trovavano sia perché tutti e tre erano già impegnati dalle rispettive attività lavorative, potendo dedicare al nuovo progetto soltanto il poco tempo libero che avevano a disposizione. Ma già nel 2005 arriva la prima soddisfazione: all’Expo dei Sapori di Milano il “Premio del Gusto” è vinto dal Pesto Pantesco Kazzen; è da questo momento che la famiglia D’Ancona, principalmente tramite la figura di Alessandro, decide di dedicarsi a tempo pieno alla neonata attività.

Ottenuta le certificazioni IGP per il Cappero di Pantelleria nel 2013 e  di “biologico” per l’azienda nel 2016, oggi il laboratorio Kazzen produce un’ampia varietà di prodotti vegetali fra cui spiccano, oltre al già citato cappero, il pomodoro e l’origano, realizzando conserve che esaltino i sapori e gli aromi naturali delle materie prime dell’isola: per raggiungere questo obiettivo è necessario il massimo rispetto verso le tradizioni del posto (di conseguenza sono categoricamente eliminati conservanti o additivi), un attento controllo della qualità che segue tutte le fasi della lavorazione artigianale, la scelta accurata delle materie prime che vengono raccolte a mano dalle due donne dell’azienda, la moglie di Alessandro, Marilena, e Mimma. Il lavoro della famiglia D’Ancona segue semplici ma precise regole, come scrive Alessandro sul sito dell’azienda (http://www.kazzen.it/index.htm): «Sopra ogni cosa amore per la natura e per l’isola di Pantelleria e – continua – ogni vaso racchiude la storia di una famiglia e di una passione, la saggezza dei contadini e lo spirito innovativo delle nuove generazioni». Ogni conserva è realizzata esclusivamente con olio extra vergine di oliva prodotto sempre dall’azienda. Tra le ultime nate, i Capperi croccanti sono stati premiati proprio al SOL&Agrifood del 2017, dove erano presenti insieme all’Accademia delle 5T.

Fra i prodotti della Kazzen non solo l’extra vergine e le conserve (marmellate, pesti, creme, patè), ma anche un’ottima linea di vini che hanno dato, vincendo numerosi premi prestigiosi, grandi soddisfazioni alla famiglia D’Ancona: dall’uva zibibbo nascono il Kazzè Pantelleria Bianco DOP e, naturalmente, il Passito di Pantelleria DOC Nesos.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *