Il Limone Sfusato di Amalfi a Vinitaly con l’Accademia delle 5T

Home » Noi e gli amici » Il Limone Sfusato di Amalfi a Vinitaly con l’Accademia delle 5T

di Chiara Lorenza Geronimo

Tra i protagonisti dell’aria formativa-espositiva dedicata alla “Biodiversità e Tipicità” della nostra Accademia durante il Vinitaly di Verona ci sarà il Consorzio di Tutela del Limone Costa d’Amalfi Igp.

Il Consorzio di Tutela si costituisce nell’ottobre del 2002 e nasce proprio per assicurare l’origine e la qualità dei limoni della Costiera amalfitana e in primis, dello “Sfusato amalfitano”, andando quindi a validare l’azione che le aziende del territorio svolgevano già da anni. Una di queste aziende è Costieragrumi di Carlo De Riso che accoglie 150 piccole aziende produttrici in un unico centro di raccolta; come ci dice lo stesso De Riso: «in questo modo si riesce a dare forza a dei piccoli produttori che altrimenti non avrebbero possibilità di arrivare sul mercato e portare un grande prodotto com’è il limone amalfitano». Anche i soci di Costieragrumi hanno aderito al Consorzio di tutela che ha duramente lavorato per l’ottenimento del marchio Igp e che ogni giorno è attivo nella realizzazione di attività per promuovere e divulgare le caratteristiche uniche di questo prodotto di eccellenza presso i consumatori, gli operatori commerciali, gli operatori professionali e tutti gli altri stakeholder.

La Costiera Amalfitana, con i suoi particolarissimi spazi, il mare, la macchia mediterranea e i terrazzamenti, costituisce uno scenario unico per la coltivazione del limone, possibile anche per le condizioni climatiche miti e il duro lavoro che nei secoli hanno reso proficua questa coltivazione nel rispetto della biodiversità varietale delle specie tipiche e storiche della zona.

Infatti, già nell’epoca della Repubblica Marinara di Amalfi, la Costa vantava un elevato numero di agrumeti ed aveva rapporti commerciali con i più importanti porti del Mediterraneo e con gli Arabi, ai quali proponeva proprio il limone, prezioso agrume, sia per le sue proprietà in ambito medico sia per la sua versatilità in ambito gastronomico.

In definitiva, lo Sfusato amalfitano è intimamente legato alla splendida terra in cui viene coltivato; è quindi stata fondamentale la nascita nel 2002 del Consorzio che, facendosi garante del territorio e tutelando questo prodotto, ne sostiene il pregio e permette a questi splendidi agrumi di abbattere i confini italiani ed essere conosciuti anche all’estero.

Ma quali sono le caratteristiche pregiate di questo prodotto? Ce le racconta Carlo De Riso che da anni tratta con dedizione quest’agrume. «Tra le caratteristiche fondamentali, c’è la buccia che è appunto la parte in cui emerge maggiormente l’aroma di questo agrume. È ricca di oli essenziali e limonene che le danno il tipico aroma forte che è difficile riscontrare con la medesima intensità in altri limoni italiani ed esteri. Inoltre presenta un’acidità più elevata rispetto ai competitor che gli conferisce un particolarissimo sapore deciso». A tutto ciò si aggiunge la dolcezza della parte bianca della buccia, per cui lo Sfusato è buono pure intero in insalata.

Ma non sono solo i limoni tal quali il prodotto d’eccellenza della Costa amalfitana, ma anche il gradevolissimo Limoncello che se ne ottiene. Anche il Limoncello Costa d’Amalfi è garantito e tutelato dal Consorzio che si assicura che il prodotto sia realizzato solo con Limoni di Amalfi – che possiedono proprio le caratteristiche compositive che lo rendono così pregiato – poi acqua e zucchero. In particolare, sottolinea De Riso, «non possono essere aggiunti additivi, conservanti né coloranti; componenti che non è raro trovare negli altri limoncelli presenti sul mercato».

La forza di un prodotto come questo è ovviamente dovuta alle sue insite qualità ma anche a una comunità che ne è orgogliosa e lo tratta con rispetto, come perlappunto Costieragrumi. Dalla produzione, ai trattamenti in campo, all’assistenza dei 150 produttori, fino alla commercializzazione con particolare enfasi all’assicurazione della tracciabilità di questi favolosi agrumi; così si arriva all’ottenimento di una filiera controllata al 100% che può essere solo che un valore aggiunto per tutti noi consumatori amanti del buono, del tipico e del fatto per bene.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *