No al progetto della UE per aprire porte agli OGM

Home » Parliamone » No al progetto della UE per aprire porte agli OGM

Se in una giornata di vento lasciamo appena socchiusa una finestra prima o poi una sventagliata la spalanca: è quello che avverrebbe se la UE aprisse uno spiraglio agli OGM, prima o poi invaderebbero le nostre terre.

La Commissione Europea ha pubblicato un rapporto sulle nuove tecniche di modifica genetica come CRISPR/Cas, indicando che potrebbero essere accettate regole più permissive per gli OGM prodotti con queste tecniche.

 

Greenpeace: la Commissione europea apre la porta ai nuovi OGM

E parlano di “transizione ecologica”? Il Covid non ha insegnato niente? Credo che nessuno possa negare che la pendemia sia stata fortemente aggravata dalle carenze alimentari che hanno indotto deficienze immunitarie dovute a un’alimentazione a base di “empty food” (cibo vuoto, ovvero privo di microelementi bioattivi e protettivi), dovuta a un’errata industrializzazione della filiera agroalimentare. A parte i danni all’ambiente, nessun laboratorio può costruire artificialmente la complessità della natura, qualsiasi organismo geneticamente modificato, ovvero di fatto artificiale, non può che darci “empty food” senza risolvere assolutamente il problema della fame del mondo dovuta più a efficienza distributiva che produttiva.

Purtroppo, secondo il Sole 24 Ore (ma andrebbe verificato), il mondo agricolo, ovvero le associazioni di categoria, non sarebbe insorto: Greenpeace ci illustra il pericolo a cui andiamo incontro, ecco il loro comunicato.

Greenpeace: la Commissione europea apre la porta ai nuovi OGM



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *