Dal Massimo goloso e Re Norcino: quando vince l’eccellenza a braccetto con la solidarietà

Home » Editoriali » Dal Massimo goloso e Re Norcino: quando vince l’eccellenza a braccetto con la solidarietà

Dal Massimo goloso e Re Norcino: quando vince l’eccellenza a braccetto con la solidarietà

Massimo Corrà (Dal Massimo Goloso di Coredo in Trentino) ha vinto gli ennesimi premi al Campionato Italiano del Salame: oltre al primo posto al podio del suino nero e al premio speciale “Salame affumicato” già vinto negli anni scorsi, gli è stato assegnato il premio “Salame che piace alla gente” dagli studenti dell’Istituto Alberghiero Artusi di Roma (nella foto il momento in cui sono state date le istruzioni per compilare la scheda per il voto).

La famiglia Vitali (Re Norcino di S.Ginesio nelle Marche), ha vinto per il secondo anno consecutivo il premio speciale “Ciauscolo”. Ma le loro vittorie hanno un valore ben superiore a quello dell’eccellenza gastronomico.

Massimo produce salumi di suino nero da quando, per aiutare un’azienda molto particolare in difficoltà, ne ha acquistato i maiali (e continua a farlo): si tratta infatti di un’associazione calabrese che dà lavoro ai ragazzi disadattati o figli di carcerati sottraendoli alla ‘ndrangheta. Per Massimo non è stato e non è facile lavorare un tipo di carni diversissime da quelle a cui è abituato per generazioni, ha dovuto persino buttar via dei salami che, con lo stile abituale della norcineria trentina, erano andati a male. Ma ha insistito, perché quei ragazzi avevano bisogno di lui. Ora ha imparato a lavorare le carni di suino nero ed è giunto il giusto premio.

Giuseppe Vitali e i suoi familiari sono stati duramente colpiti dal terremoto. Le istituzioni non si sono fatte vedere e hanno loro “consigliato” di lavorare i maiali nei container. Ogni tentativo di ottenere non i soldi, ma almeno le istruzioni per come procedere ai lavori, ha cozzato contro una burocrazia demenziale. Che hanno fatto, allora? Hanno sbattuto in faccia a chi avrebbe avuto il dovere di aiutarli le scartoffie rinunciando a qualsiasi aiuto economico, l’aiuto l’hanno avuto da familiari e amici e non hanno praticamente mai smesso di fare salumi… e vincere premi. Ma non basta, intorno a qualsiasi azienda c’è un indotto: avrebbero potuto risparmiare rivolgendosi a nuovi partner comodi, invece per solidarietà non hanno abbandonato quelli di sempre ancora oggi scomodissimi (e costosissimi) da raggiungere.

I valori della persona sono alla base di quelli delle 5T e siamo orgogliosi dei nostri soci che credono che il rapporto umano sia alla base anche di un business onesto e costruttivo.

 

http://www.accademia5t.it/2017/10/22/e-trentino-il-campione-italiano-del-salame-di-suino-nero/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *